Navigatore: Menù testata | Area menù | Contenuto

foreign users visiteurs étranger
StampaVersione stampabile

Area Finanza -> Documenti

Schema tipo per il contratto di consulenza finanziaria

Consulenza finanziaria: esempi di valide clausole contrattuali
Il Consulente Finanziario, persona fisica o giuridica, può fornire al Cliente un servizio di assistenza, finalizzato alla ricognizione del suo patrimonio, degli impieghi e degli obiettivi (financial planning). All'esito di tale indagine, il Consulente Finanziario può fornire al Cliente anche le informazioni utili al miglior impiego del suo patrimonio, sulla base degli obiettivi da lui indicati, con particolare riferimento agli strumenti finanziari da utilizzare. La sopra descritta indipendenza del consulente finanziario costituisce una delle fondamentali differenze rispetto al Promotore Finanziario che, invece, è già in grado di far sottoscrivere al Cliente i contratti di investimento proposti dalla sua casa madre: in tal senso, la sua attività è quella di un agente dell'intermediario, mentre quella del Consulente Finanziario è assimilabile a quella di un collaboratore libero professionista. Le condizioni contrattuali che si propongono riguardano l'attività del Consulente Finanziario, essendo quella del Promotore regolata in base alla legge, alle direttive Consob ed a quelle dell'intermediario da cui ha ricevuto il mandato.

ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO
Il contratto ha ad oggetto la predisposizione e l'elaborazione degli ottimali profili di investimento e quindi della diversificazione ideale del portafoglio del Cliente, in relazione alle esigenze finanziarie ed agli obiettivi di investimento nonché alle potenzialità di reddito e di rischio attese, quali derivanti, in via meramente esemplificativa, dalla sua situazione patrimoniale e finanziaria, dai suoi flussi reddituali, dalla sua età e dalla composizione del suo nucleo familiare.
L'importo del portafoglio del Cliente oggetto della consulenza finanziaria richiesta - portafoglio comprensivo anche delle sue componenti reddituali - viene indicato dal Cliente medesimo al momento della stipula del presente contratto e sarà aggiornato per iscritto a cura del Cliente in occasione degli incontri di cui al secondo comma dell'art. 2.
L'importo iniziale viene pertanto indicato dal Cliente in ………………………………..
La diversificazione ideale del portafoglio sarà elaborata in relazione alle tipologie di investimento consigliate, finanziario, assicurativo o previdenziale.
E' estranea all'oggetto del presente contratto la consulenza in materia immobiliare e fiscale, fermo restando l'obbligo del Consulente di fornire un quadro sufficientemente adeguato sulla normativa fiscale in ordine alla materia bancaria, finanziaria, assicurativa e previdenziale.

ART. 2 MODALITA' DI ESECUZIONE DELL'INCARICO
L'attività di cui all'articolo 1 sarà espletata dal Consulente, personalmente ovvero con l'assistenza di un proprio dipendente o addetto, a tale scopo incaricato ed autorizzato dalle parti.
Il Consulente esplica la propria attività nell'ambito di incontri periodici, al termine dei quali fornisce al Cliente il risultato dell'elaborazione degli ottimali profili di investimento consigliati e della diversificazione ideale del portafoglio analizzato, nonché dei relativi aggiornamenti. Tali incontri hanno la frequenza minima di tre per ogni anno di rapporto.
Il Consulente può usufruire dell'ausilio di elaborati e studi di società di intermediazione mobiliare e può mettere il Cliente in contatto con gli uffici di tali società, a supporto della sua attività. Ciò non comporta che il Consulente assuma la responsabilità per quanto dichiarato o promesso da tali società, ovvero relativamente ai contratti di investimento da queste stipulati con il Cliente. E' facoltà del Cliente mettersi autonomamente in contatto in qualsiasi momento con il Consulente, per ottenere integrazioni da sé ritenute utili ed il Consulente è tenuto a fornire dette integrazioni secondo criteri della diligenza professionale. L'attività di consulenza viene prestata oralmente. Il Cliente ha la facoltà, in qualsiasi momento, di chiedere conferme scritte. In ogni caso, il Consulente ha l'obbligo di redigere per iscritto l'allocazione ideale del portafoglio del Cliente almeno entro quindici giorni dal primo incontro. La redazione per iscritto dovrà essere posta in essere anche per gli aggiornamenti più rilevanti e comunque con cadenza almeno semestrale, entro sei mesi dalla precedente redazione. La redazione per iscritto sarà illustrata al Cliente da parte del Consulente, direttamente o per il tramite dei propri dipendenti od addetti. Il Cliente prende espressamente atto al riguardo che tale redazione per iscritto da parte del Consulente non costituisce conferimento al Consulente stesso di alcun potere rappresentativo per la stipula di contratti di investimento, ma costituisce solamente esecuzione della propria prestazione di mera consulenza. Il Cliente prende pertanto espressamente atto altresì che ogni altro documento - vale a dire ogni documento diverso dalla redazione del profilo di allocazione ideale del portafoglio del Cliente, a lui consegnato da parte del Consulente, che non sia sottoscritto da parte dell'intermediario prescelto per l'investimento non ha alcun valore impegnativo per quest'ultimo. Il Cliente può richiedere in qualsiasi momento il cambiamento dell'impiegato e/o addetto incaricato della sua assistenza da parte del Consulente, in base al presente contratto.

ART. 3 RESPONSABILITA'
Il Cliente prende espressamente atto che il Consulente presta la propria attività secondo criteri di diligenza professionale e non promette e non assicura il conseguimento di risultati.
Il Consulente non è responsabile dei contratti conclusi tra il Cliente e gli intermediari mobiliari né per le vicende relative agli strumenti finanziari acquistati. Il Consulente è invece responsabile del profilo di investimento proposto al Cliente e del suo costante aggiornamento.

ART. 4 RAPPORTO DELL'ATTIVITA' DI CONSULENZA DI CUI AL PRESENTE
CONTRATTO CON L'ATTIVITA' DI OFFERTA FUORI SEDE.

Il Cliente prende espressamente atto che il presente contratto non ha ad oggetto l'espletamento di singole scelte di investimento e di disinvestimento in strumenti finanziari e negli altri prodotti e servizi oggetto dell'attività di consulenza. Tale singole scelte sono eventualmente esaminate con il Cliente nell'ambito dell'attività di offerta "fuori sede", effettuata da parte di intermediari finanziari appositamente autorizzati, per il tramite di un promotore od in altri modi ritenuti utili, autonomi rispetto all'attività oggetto del presente contratto.
Il Cliente ha la facoltà di rifiutare le singole scelte a lui proposte da tali intermediari, in completa autonomia rispetto al presente contratto. Alla luce della propria identità soggettiva e dell'esigenza di fornire un servizio complessivo adeguato, ottimale e coerente, il Consulente è espressamente impegnato a proporre scelte di investimento e di disinvestimento coerenti con la situazione economico finanziaria del Cliente.
In tale ottica, il Cliente prende espressamente atto che le operazioni relative all'attività di offerta fuori sede, con particolare riferimento alle operazioni su strumenti finanziari non negoziati in mercati regolamentati, alle vendite allo scoperto, ai contratti a premio, ai contratti a termine, alle operazioni di pronti contro termine e alle operazioni su strumenti derivati, quali definiti nell'art. 1, comma 3^ e comma 2^, lettere f,g,h, i e j, Decr. lgs. n. 58/98, nonché alle operazioni di riporto e dei prestito titoli, sono effettuate esclusivamente da soggetti estranei al Consulente, nel rispetto della relativa normativa e dei relativi contratti (contratti cui far riferimento anche per l'oggetto delle operazioni, per le disposizioni del Cliente, per gli oneri economici e le commissioni a carico del Cliente e per la documentazione da inviare al Cliente), normativa e contratti per l'appunto riguardanti tali operazioni e non la consulenza di cui al presente contratto.

5 CONFLITTI DI INTERESSI
Il Cliente prende espressamente atto che, alla luce della natura oggettiva della prestazione di consulenza di cui al presente contratto, situazioni di conflitti di interessi rilevano esclusivamente in sede di proposta di specifiche scelte di investimento e di disinvestimento di cui all'attività di offerta fuori sede, senza rilievo alcuno sulla prestazione di consulenza di cui al presente contratto.
Il Consulente si impegna, d'altro canto, a rendere la prestazione di consulenza di cui al presente contratto in funzione esclusivamente delle esigenze del Cliente e senza in alcun modo farsi influenzare da esigenze connesse all'espletamento dell'attività di offerta fuori sede, realizzata da intermediari finanziari appositamente autorizzati. In tale ottica, il Consulente, se il portafoglio dei prodotti e dei servizi proposto da tali intermediari è incompleto e non comprende prodotti e servizi rilevanti offerti sul mercato da altri operatori, è espressamente obbligato a comunicare per iscritto tale circostanza al Cliente.

6 COMPENSO DELLA CONSULENZA
Quale compenso dell'attività di cui all'art. 1 del presente contratto, al Consulente verrà riconosciuto un onorario, comprensivo del rimborso per le spese sostenute e determinato con lettera a parte, sulla base dei seguenti valori:
- importo iniziale del portafoglio del Cliente, così come determinato all'art. 1;
- costo orario della relazione scritta di cui all'art. 2;
- costo orario delle singole sessioni di cui all'art. 4;
- controvalore e costo orario delle singole revisioni periodiche.
Il Cliente prende espressamente atto che il compenso per l'attività di consulenza di cui al presente contratto non è in alcun modo collegata alla valorizzazione del suo portafoglio, ovvero alle performances del medesimo, conseguenti ai consigli ricevuti. L'importo di tale compenso, come i relativi termini di pagamento, verranno preventivamente comunicati dal Consulente al Cliente all'inizio di ogni anno di gestione, nonché fatturati al momento della loro effettiva liquidazione.
Il Cliente è tenuto al pagamento del compenso della consulenza prestata, anche laddove non la utilizzasse ai fini della conclusione dei contratti di investimento di cui all'ultimo comma dell'art. 4.

7 DURATA DEL CONTRATTO. RECESSO DELLE PARTI
Il presente contratto è a tempo indeterminato.
Il Cliente può recedere dal presente contratto in qualsiasi momento con effetto immediato dalla ricezione da parte del Consulente della relativa comunicazione a mezzo raccomandata a.r.
Il Consulente può recedere dal presente contratto, salvo che per giusta causa, con preavviso di 30 giorni a far data dalla ricezione da parte del Cliente della relativa comunicazione a mezzo raccomandata a.r.
In caso di cessazione del contratto, per qualunque ragione, ovvero di variazione del portafoglio di riferimento, tra i criteri di calcolo del compenso di cui al precedente art. 6 si terrà conto, pro rata temporis e con esclusione di ogni proporzionalità, del patrimonio iniziale e di quello finale.

8 MODIFICHE AL CONTRATTO
Il Consulente ha la facoltà di apportare modifiche, in presenza di ragioni giustificate, alle norme di cui al presente contratto, con preavviso di 30 giorni a far data dalla ricezione da parte del Cliente della relativa comunicazione a mezzo raccomandata a.r., ferma restando la facoltà del Cliente di recedere in ogni caso dal contratto.

9 DELEGHE ALLA SUPERVIOSIONE ED INVIO DI COMUNICAZIONI.
Con lettera a parte, il Consulente potrà essere facoltizzato dal Cliente ad assumere informazioni presso l'intermediario finanziario dove è depositato il portafoglio oggetto del presente contratto. Tale delega non facoltizza il Consulente a compiere operazioni su tale portafoglio a nome e per conto del Cliente, né obbliga il Consulente a rappresentare il Cliente dinnanzi all'intermediario. L'invio di lettere, le eventuali notifiche e qualunque altra dichiarazione e comunicazione dell'intermediario e del Consulente saranno effettuate al Cliente con pieno effetto all'indirizzo indicato all'atto della sottoscrizione del presente contratto oppure fatto conoscere successivamente per iscritto. Nel caso in cui il portafoglio del Cliente fosse depositato presso un intermediario sulla base di un contratto cointestato, il Consulente adempierà ai propri obblighi esclusivamente nei confronti del cointestatario che ha sottoscritto il presente contratto.

10 TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
Il nominativo del Cliente, così come i dati da lui forniti ai fini dell'espletamento della attività di consulenza prevista dal presente contratto, saranno trattati dal Consulente con la massima riservatezza, nonché conservati per il tempo strettamente necessario all'espletamento della pratica affidata.
Tali dati saranno consultabili solo dal Cliente che dichiara sin d'ora di essere stato informato sulle finalità per le quali i suoi dati vengono raccolti e trattati nonché dei diritti a lui spettanti ai sensi dell'art. 13 della legge 675/96. Tali dati potranno essere cancellati o modificati, in qualunque momento, anche su ordine del Cliente stesso.

Approvazione specifica ex art. 1341, II comma, c.c.
Il Cliente approva specificatamente, ai sensi dell'art. 1341, II comma, c.c. le clausole di cui all'art. 1, u.c. (estraneità della consulenza in materia fiscale ed immobiliare all'oggetto del presente contratto) , art. 2 (mancanza di poteri di rappresentanza in capo al Consulente) art. 3 (obbligo del Consulente di comportarsi secondo diligenza professionale, senza promessa di conseguimento di risultati), art. 4 (rapporto tra l'attività di consulenza e quella di offerta fuori sede), art. 5, 1^ comma (conflitti di interesse), art. 7, 3^ comma (recesso del Consulente dal contratto), art. 8 (modifica unilaterale del contratto), art. 9 (limitazioni alla procura ed invio delle comunicazioni).




| ©2018 Studio Legale Associato EurAmbrosiano P.IVA e C.F. 05540340964