20.11.2020

I contratti collettivi aziendali sono applicabili a tutti i lavoratori dell’azienda sebbene non iscritti alle organizzazioni sindacali stipulanti, con l’unica eccezione di quei lavoratori che, aderendo ad una organizzazione sindacale diversa, ne condividono l’esplicito dissenso dall’accordo.

Questo in quanto la tutela di interessi collettivi della comunità di lavoro aziendale e talora la inscindibilità della disciplina che ne risulta concorrono a giustificare l’efficacia soggettiva erga omnes (ovvero generalizzata verso tutti) dei contratti collettivi aziendali  nei confronti di tutti i lavoratori dell’azienda anche se non iscritti alle organizzazioni sindacali stipulanti.

Invece l’adesione del singolo lavoratore deve considerarsi necessaria solo per l’efficacia della clausola di decadenza prevista dallo stesso comma 10 dell’art 11 del CCNL di settore e dunque i lavoratori vincolati dall’accordo integrativo aziendale in base alla efficacia generalizzata dello stesso, devono accettare per iscritto solo  la clausola che stabilisce un termine di decadenza per fare valere eventuali differenze retributive che derivino dall’accordo e che i lavoratori ritengano ad essi spettanti.

La Sentenza della Corte di Cassazione si esprime in merito alla richiesta di differenze retributive per lavoro straordinario, calcolate secondo le maggiorazioni stabilite dal CCNL di categoria.